HOME PAGE
  La Piazz

 

 

 

PROVERBI E DETTI DIALETTALI

da: “L’ECO DELLA MEMORIA” della Maestra Lina Frattarola - 2010

 

  • Fije 'n fasce, pinne 'n casce.
  • Chi vo la casa nette la ggente di fore 'ngi l'ha da mmette.
  • Nalla case di lu vicine 'ng ji spesse si ti vu ssittà nalla sigge duva s'assette esse.
  • La femmene, lu cane e lu fesse 'nzi porte maje appresse.
  • Male nin fa e paure n'avè.
  • Di jurne nn'azzinnà, di notte nn'aspittà.
  • Aje e uje acconce tutte fuje.
  • Fusse, strate e mmale vicine, povere a chi ci confine.
  • Piccate e dibbite chi li fa li paghe.
  • Moje, marite e fije cuma Ddi ti li dà, ccuscì ti li pije.
  • Chi done prima la morte 'ncape s'ha date na mazzocche.
  • Duva dice la verità "Tizie" 'nci nasce la jerve.
  • Furtune e cazze 'n cule biate a chi li tè.
  • Allu cavalle bastonate ji luce lu pele.
  • Chi tè mamme nin piagne, chi tè patre nin pate.
  • Carnevale, carnivalente vuje la cicce e dumane la lente.
  • Lu sole di marze ammazze la donne dentre a lu palazze.
  • Fa bbene e scurditine, fa male e pinzece.
  • Chi tè poche quatrine sempre conte, chi tè la moja bbelle sempre cante.
  • Chi vò gabbà lu vicine, tarde la sere e preste la mmatine.
  • E’ mmije l'ove vuje chi la galline dumane.
  • Acqua chete virmene mene.
  • Nin sa quanta sale vò la cipolle (è persona che non capisce niente).
  • Pinne fitte (panni lavati) sole aspette.
  • Li solde di l'avarone si li magne lu sciampagnone.
  • Na nu pare di caze sparite na muccicate di cane 'nzi chinosce.
  • Cchiù t'abbisse e cchiù ti si vede lu cule.
  • Lu bbelle arrubbà è alli Sinte chi t’attamente (ti guardano) e nin ti dice ninte.
  • Chi vò Ddi o chi si li preghe.
  • Chi capisce cumpatisce.
  • Chi poche sa preste parle.
  • Povere a chi la nore duva sta la mamme e la fijole.
  • Quande 'ngì sta la hatte li surge abballe.
  • Li solde sta allu scommete.
  • Maje (maggio) tra feste e mmalitimpe mi ni vaje.
  • Aprile, na hocce lu dire (un po' di pioggia tutti i giorni).
  • L’asine porte la paje e l’asine si l'armagne.
  • Tredice, apre l'ucchie e videce, apre l'ucchie e spanne ca 'nnè callare chi s'arcagne.
  • Canne mantè vite e vite mantè canne.
  • Chi tè cente fije li marite, chi ni tè une li sirripe.
  • Chi cache tra la neve preste ai scopre.
  • Chi ale (sbadiglia) poche vale.
  • La live è binidette: arde virde e secche.
  • Lu circà sta vicine allu pijà.
  • Quande di core nin mi vè sci maledette chi mi li fa fa.
  • Vocca onde nin disse mai male di nisciune.
  • Nin fa male ca è piccate, nin fa bbene ca è spricate.
  • La neve marzoline dure dalla sere alla matine.
  • Vrucchele e pridicature dopo Pasque nin conte cchiù.
  • Lu poche avaste, lu 'ssi si ni va.
  • 'Nci sta nu spusalizie chi 'nci esce 'na lite, 'nci sta nu morte chi 'nci esce 'na rise.
  • Hisce fore e pije cunzije, arghintre dentre e fa chi tti pare.
  • Pacijinze e carità biate a chi li ha.
  • Duva si magne Ddi nin ci manne.
  • Chi nin tè bbona cocce ha da tinè bbon pete.
  • 'Na lene nin fa foche, ddu ni fa ben poche, tre avaste a mme, quattre lu foche è fatte.
  • Li mitte e li bardisce l'aiute Ddì.
  • Fije piccirille guaje piccirille, fije grusse guaje grusse, fije spusate guaje duplicate.
  • L'ove chi 'nzi magne a Pasque 'nzi magne cchiu.
  • Chi belle vò parè gran dolore ha da patè.
  • Da lu tecchie esce la schiappe.
  • L'asine a ppi la capezze, l'ommene a ppi la parole.
  • Mittete 'nghi è mije di te e fajici li spese.
  • A tutte li case sta nu pence rotte.
  • Chi pije la casa fatte è salve e nin è matte.
  • Robba vicchie a case di pazzi more.
  • Case e casarelle, la cas'a mi è la cchiù bbelle.
  • Na calature di sole di verne ti dà tempe a ji na nna caverne, na calature di sole di 'state 'ndi dà tempe a ji da na case a n'atre.
  • Fiocche nin fa ogne (oncia) ma aiute a jogne.
  • Faccia mi' nti vrivugnà e fa chi vvu'.
  • Chi la sere nni sciacque la matine scarazze.
  • Pi cunosce 'na pirsone ci dà magnà unite nu tommele di sale.
  • Chi vo' va, chi nni vo' manne.
  • Lu piducchie acciaccate 'nghi l’ogne, pover'a tte s'arrizze lu grogne.
  • Na campane avaste a cente frite.
  • Chi s'ha 'mmizzate a patì dulore nin sente.
  • Da li vuve (buoi) parete anninze, da li mule parete arrete, da li frite parete anninze e 'rrete.
  • Viste (vesti) nu pale ca bbelle ti pare.
  • Alli giuvene ji luce li chirne, alli vicchie ji luce li pinne.
  • Chi sente na campane e nin sente n'atre nin sa chi 'ntona fa.
  • Stinghe dispirate gni nu sorge di cchjise.
  • Chi vo' la farine nn'auarde allu sacche.
  • Chi di schine, chi di pette tutti quinte tè nu difette.
  • Mazze e panelle fa li fije bbelle.
  • Cuscijinze e denare nzi sa chi li tè.
  • Duva ti cride ca ci penne li prisutte, ngi penne manche li 'ngine.
  • Li chiacchiere si li porte lu vente e li maccarun armbijsce la panze.
  • Appresse a lu ride ci vè lu piagne.
  • Li schirne nasce all'orte, chi li fa ca si li porte.
  • Lu cane c'abbaje ni mmocceche.
  • Mi so' jite pi ffà la croce e mi so' cacciate l'ucchie.
  • Pane e pinne nin pese maj.
  • Tu vù la scarpa onte e la ssogna sane.
  • L'arte di tate è mezze 'mparate.
  • Chi tè nu Sante 'n cile nivva ali'irmberne.
  • Acque e foche nin trove loche.
  • Fa quelle chi prite dice no quelle chi prite fa.
  • La hatte chi nin po' 'rrivà a lu larde dice ca è ranciche.
  • Fa bbene a Ciarlutte ca t'arnee li murte.
  • Pover'a chi la case duva s'ause lu "vacci tu".
  • Nghi patre e patrone ngi truve ragione.
  • Lu cuntadine jette 'n terre e gaurde 'n cile.
  • Sopr'alla pulente ci' d'ha fa passà lu purcelle e la pecure.
  • Lu celle nalla habbie cante pi raje, quelle di campagne p'allegrie.
  • Chi si vusciuche 'nz'anneghe.
  • L'ommene urdisce e la furtune tesse.
  • Chi ti scorteche e chi ti mantè.
  • Li fuje nni vuje, pi la cicce mi c(i) appillicce.
  • A piagne lu morte è lacrime perse.
  • Fije di hatte surge acchiappe.
  • È mmije a ffa lu foche chi li frusce chi a parlà chi quille chi nin capisce.
  • Gire lu sole, gire la lune, gire li mitte di Castijeune.
  • Chi sparagne spreche.
  • La cire si cunsume e la pricissione nin camine.
  • È mmije a vidè nu lupe mannare chi n'ommene scamisciate lu mese di jinnare (se in un giorno di gennaio fa tanto caldo da doversi togliere la giacca il giorno dopo cadrà tantissima neve).
  • Facce fije, facce nore, l'asina vicchie e lu mmaste gnove.
  • È mmije dolore di saccocce chi dolore di cocce.
  • Bongiorne ombra sante, mi fi 'rpusà nu 'mbo? Si nin ti freche la fame arpusete vuje e dumane!
  • Fine a Tutte li Sante tutte li cule cache tante, dope Sante Martine ci sta quille chi cache fine ( fino a novembre c'era ancora parte del raccolto e tutti mangiavano normalmente, dopo i più poveri potevano mangiare poco).
  • È prime lu mediche chi lu mmalate.
  • Alasse l'osse ch'e di lu cane.
  • Sirene di verne e nuvele di 'state chi s'annamore c(i) armane fricate.
  • L’arte s'ammale ma 'nzi more.
  • Scinziune (Ascensione) scinziunate, dici jurne pi Pasque rusate (Pentecoste), natre dice sopr'a quiste si ni ve' lu Corpe di Criste (Corpus Domini).
  • Chi nin vo' fatijà o sbirre o frate s'ha d'ha fa.
  • Li sacicce chi penne a hate, lu cor a mi nin penze a atre.
  • La guazze nin fa corre lu fosse.
  • Cchiù Marche gire, cchiù marchigiane truve.
  • Li sacicce e la vatresche è bbone quand'è fresche.
  • Lu 'gnille e lu castrate è bbone pure l'istate.
  • L'osse vicchie acconce la pignate.
  • Lu sapore di la minestre li sa la cucchiare chi li visciuche.
  • Chi negozia campe, chi fatije crepe.
  • Prite e polle n'è mai satolle.
  • 'Ssa fa Ddì ch'è sante vicchie.
  • L'inne e li bicchjire nin zi conte.
  • La femmene chi nzi spose armane pi commete di case.
  • Cummanne e fattele.
  • Sa cchiù lu pruvate chi lu sapute.
  • Accia gnove e panne sparate.
  • Chi campe senza conte va a sutterre senza cante.
  • Chi alasse la strata vicchie pi la gnove, sa chi lasse ma nin sa chi trove.
  • Sparagne sparagne, arrive la hatte e magne.
  • Attacche l'asine duva dice lu patrone.
  • Ch'arlave la cocce all'asene si joche la fatije e lu sapone.
  • Nin troppe doce ca ti s'ome suche, nin troppe amare ca t'ome spute.
  • Chi si mette nghi li puzze l'unore li perde e la virgugne l'acquiste.
  • Pi tutte cose ci vo' la sorte e pi cacà ci vo' la forze.
  • Natale nghi lu sole, Pasque nghi lu tizzone.
  • Si Natale ve' di giove (giovedì) lu contadine s'ha da venne vacche e vove.
  • Duva dice la verità Tizie nin ci nasce la jerve.
  • La vocche è strette ma si magne la case nghi tutte lu tettere.
  • Quande si ccide la halline? Quande s'ammale la halline o quande s'ammale lu cuntadine.
  • Lu fraceche sta vicine all'osse.
  • Duva nu jurne duva nu mese, la scarselle (tasca) poche ti pese.
  • Li fuse alli fuse, l'arte a chi li use.
  • Povere a cchi la porte duva esce na moja morte.
  • Li fave cotte nin po' nasce.
  • Nin zi bbone né lu morte a piagne, né lu vive a cunzulà.
  • Nin zi bbone né pi fotte (rubare) né pi ffa la guardie.
  • Lu Patr'aterne (Padre Eterno) manne lu male e manne lu ripare.
  • Nni nnumminà li triste ca subbete apparisce.
  • Li triste: nnumminate e viste.
  • Cchiù li visciuche e cchiù puzze (più se ne parla, più si ingarbuglia).
  • Chi po' fa a zumpitte, che no si sta fitte.
  • Lu latte nni vè da esse, ve da lu magnà e da lu veve spesse.
  • Nci'a rmaste maje lu grane da mete, manche c’(i)armane li femmene da marite.
  • Chi fa, pi esse fa.
  • Li bbillezze fine alla porte, li bontà fine alla morte.
  • Mmale pettine ti pettine la cocce (hai a che fare con un duro che non te la dà vinta).
  • Quande une ti vè truvà cacche cose ti vè ccircà, dapù chi ji l'hi date si sente tutte ardicrijate. Quande ji li vi p'arcircà 'ncumincia a rbiastimà, arbiasteme accuscì spesse cume si ti l'avisse àrdà a esse.
  • Si chiame prime tate, huanne une e n'atranne n'atre. Si chiame prime mamme, n'atre fra ddu anne.
  • Povere chi poche po'.
  • Chi cchiù tè cchiù vo'.
  • La previdenze provvede ma nin carie (non porta).
  • Quelle chi nin succede nghi cent'anne pò succede nghi nu mumente.
  • Li meunte n'arfreunte (significa che solo i monti non si incontrano mai e, pertanto, se nella vita fai del bene o del male può sempre arrivare il momento in cui sarai ricambiato).
  • Lu brutte a scurticà è la cocce e li pite.
  • Vò jì sempre a sopre come l'uje (si dice di qualcuno che vuole sempre averla vinta).
  • Cuccagne si dure!
  • Bricitole e Candelore, si ci nengue e si ci piove, si ci fere lu sularelle ca stateme mmezz'a lu verne, si ci fere lu sole bbone da lu verne seme fore.
  • Chi mandrecchie nn'attacche, mandricchie nn'assoje.
  • Lu sitacce ha d'ha ji e ha d'ha minì.

      Via Roma

     

     

     

    DETTI DI IERI ~ DETTI DI SEMPRE

    Ricerca nel mondo dei proverbi Pennesi: le espressioni popolari che sono sinonimo di

    saggezza (voce di Dì, voce di popolo) -

    della Signora Franca MULCIRI

     
  • Chi sà cotte chi l'acqua vullite te paure pure di quella jelate;
  • Nin de motte a liticà chi lu latre ca la prima cosa che ti dece latre;
  • Quande lu Gransasse s'armotte lu cappelle lasse lu 'mbrelle e peije lu mantelle;
  • Lu sapore di la pignate li sa la cucchiare chi li vusciuche;
  • Chi poche sa presto parla;
  • Povere a c'ha bisugne e cerc'aijeute;
  • La vecchiaia è na brutta cose;
  • Chi mi va anninze mi lasse chi mi ve arrete m'arpasse;
  • Lu cioppe pi ballà e lu ciavaie pi cantà;
  • Salte chi po disse lu alle, ca chi nin po si sta fitte;
  • Mintre la belle è guardate, la brutta è maritate;
  • Santa Barbara binidotte salvice da lambi, tuni e saiotte;
  • La femmene l'ha da valè ninzi la da purtà la dote;
  • E' meie nu triste marite chi cente fratille e surelle;
  • Dua si magne Dì mi ci manne;
  • E' mijie l'ove massore chi la allene dumene matene;
  • La patrije ntà vulute pì suldate, jie manche ti vujie pì maret;
  • Nì stete bone pi lu Rò, nin si bone manche pi la riggine;
  • Na vote caurre lu lebbre, na vote lu cacciatore;
  • Na rmotte a dumene, quolle chi pu fa vujie;
  • Lu ferre si vatte quand'è calle;
  • Si tutti quind purtesse li uajie in piazze, ugneune sarpijesse lu si;
  • Si teutte li cille cunuscere lu rene, nin si mitere;
  • E ndinghe e ndinghe e ndinghe, pi sabbite nin si mbicche, ca vanze ma da spittà, la salute ma da prià, ngalè nimmi ci pò manna;
  • Li capelle chi ncià nete sulla coccia, nci si po attaccà;
  • La mascete, cummanne e fattele;
  • Amor con amor si paga;
  • Lu saule di Marze e cume lu bene tra la socere e la nore;
  • Lu jiurne appresse a la feste, senza dinere e dulaure di teste;
  • Chi nin sente la mamme e lu petre, nu ponge i casche nan chepe;
  • Na bona anche, porta na bona cianche;
  • Dì ti ni scampe da feulmine e tempeste e da lu cuntadene vestete a feste;
  • Lu piducchie acciacchete chi laugne, Dì ti ni lebbre sareze lu vraugne;
  • Li fijie è cume li crespelle, chiù ni fi e chù ti esce belle;
  • La case annasconne ma nin perde;
  • Lu laupe perde lu pole ma naune lu vezie;
  • Chi pasce li pequira si nin si chiame picurale;
  • L'ucchie di lu patrone n'grasse lu cavalle;
  • Nè feste nè fistine, fine a l'età di sessantenne;
  • Pì conosce nà pirsone, c'ià da magnà nu taummle di sele;
  • Si ti mitte chi li ciarlutte, ta 'rnee li vive e li murte;
  • Mittite chi chi è mijie di to e fajie li spose;
  • La atta furiause ficie li fijie cichite;
  • Quande si ratte lu chescie si cieuffle;
  • Si cume lu sitacce mbaccie a lu meure, nin si trottiche e nin si move;
  • Si cume l'acque di li maccarune, nin sa di ninte;
  • Chi cheche mezza a la nove, preste si scopre;
  • N'à mizzà lu cheule a vittura, ca ti sbrivugne quande stì sicheure;
  • Ogni case tè nu ponge rautte;
  • Chi lu sonne n'si va a lu mulene;
  • Robba fatte quatrene aspette;
  • Vede chi desse l'albere a la fraunne, mantite forte ca lu vente fere;
  • N'augurà lu male a n'etre ca lu ti stà vicine;
  • Case che vajie usanze che truve;
  • Chi tè, bone tè, e ugnune si tè lu si;
  • Chi patre e patrone n'gi s'arraggione;
  • Maujie, marete e fejie, cuma Dì ti li dà, accusjie ti li pejie;
  • Morte desidirete nin vè mì;
  • L'amicizie a farle nin ci vo ninte, a mantinorle ci vò;
  • Cannilora e Brigidora, si ci nenqua e si ci piova, si ci tire lu sulitelle, ca ci seme mezze a lì merne; si ci tire lu sole bone, da li merne seme fore;
  • N'arjie di foche fa bene d'immerne e d'istate;
  • Li suldete si fa in tempe di pece, ca quanda ci stà la uerre stà pronte;
  • L'eche e la pizzitelle nin fece la fommine puvirelle;
  • Quande s'alleve la chese treme;
  • A da pruvà pi crode;
  • Sa chiù lu pateut chi lu sapeute;
  • Demme chì cchi vì ca ti deche chi sì;
  • Chi di schene e che di pette teutte tinome nu difette;
  • Duve nin sì ammitate nin ci jie ca nin sì acclamate;
  • Duve ta cride ca ci penne lu larde nin ci penne manche lu 'ncine;
  • Chi va chi Dji, Dji l'aieute;
  • A lu cavalle bistimmiate ji luce lu pole;
  • Lu purcelle quande è sazie arvotiche lu trocche;
  • Chi mandrecchie e ni leghe, mandricchie nà sojie;
  • Sito mio sitaccio, cuma mi fì cuscì t'arfaccie;
  • Chi nin vò fatijia, sbirre o frate si va fa;
  • Chi tè nu bone cavalle alla stalle, n'zi ni 'mporte di jie a pete.;
  • Chi nin te bone coccie, a da tinè bone pite;
  • La nutizie cattive passe lu mare, ma quella bona nin cale li scale;
  • A la piazza chi ci pò cacà e chi nin ci pò passà;
  • Vatte quande si martelle, ca quande si ncheudine tome vatte;
  • Chi ni te cente di marite, chi ni te une l'assirripe;
  • Li cruejie di l'isine nin sajie in cile;
  • Vale chiù nu solde di sparagna chi cente di uadagne;
  • L'arte di tate è mezze 'mparate;
  • Sta scritte a lettere d'ore, quelle che si fa sa 'rtrove;
  • L'acque chi nà piovete, 'ncile stà;
  • Lu core afflitte lu sangue spute;
  • Da sunator d'orghine a tiratore di mantice;
  • Lu sagne si lagne ma nin si magne;
  • La allina vicchie 'ngrasse la pignate;
  • Lu lette cuma ti l'arfì coscì ti ciaddurme;
  • Cenciose e prisintouse;
  • Cuscijinze e dinare nzi sa chi li tè;
  • Lu sitacce a da jiè e a da rminè;
  • Chiù tacciucche e chù lu cheule ti si vode;
  • La robbe de l'avare si li magne lu sciampagnone;
  • La pratiche vele chiù che la grammatiche;
  • Male pettine, ti pettine lu chepe;
  • Chi tè fijie a pette, nin và satolle a lette;
  • Chi pijie e nì motte, tocche lu fonne;
  • Chi campe senza conte, và sutterre senza cante;
  • Lu linarole: cente a nisciune, novanta a l'amicie, ottanta a tutte quante;
  • Chi tè lu celle in mane e nin si li spieume, nin sa quande la rà chi la fortune;
  • Li mitte, li mbrijiche e li bardiscie, Dì l'aiute;
  • A Rome ci si venne la canije, quelle che fa la mamma, fa la fijie;
  • Fijie di atte, seurge acchiappe;
  • E' mijie a nasce ssotte a l'ora bona, chi fijie di gran signore;
  • Viate a chi la case, duva lu rusarie è rcitate;
  • Avissi avujie a ciuffulà, quande l'asine nin vò vove;
  • Mauije e foche, và accimintate;
  • E' mijie assittarse sopra a lu foche, chi a dà rette a la gente;
  • Fosse priparete, morte ritardete;
  • Vele chiù nu pole, chi nu rogne;
  • Vele chiù nu pole a tirà annammaunte, chi quattre vuve a tirà a nabballe;
  • Li sbijie di li mitiche, li copre la terre;
  • Voccaonte, ni ndisse mele di niscjieune;
  • Corpe satolle, dajie lu ripose;
  • Chi sta sazijie, na crode a lu dijiune;
  • La bistommie maucche ti esce, e mbette ti cojie;
  • Avujie a pridicà, predicatore, si prediche pì mè l'a pinse male;
  • A rlavà la coccie a l'asine, ci si sprechi tempe e sapone;
  • La femmine chi vò abbà lu vicine, si te da rrizzà preste la matine;
  • Terre e male vicine povere a chi ci cunfine;
  • Frijie lu posce e uarda a la atte;
  • Fischie e pasce la capre;
  • A Santimartine ogni moste è vine;
  • Pijie lu bene quanda li tì, ca lu triste nì manca mi;
  • Mendre la bbelle è 'uardate la brutte è maritate;
  • La fame fece scè lu loupe da la teene;
  • La merde quanda arvà 'galla peuzze;
  • Dimmi chi 'cchì vi e ti diche chi ssì;
  • La moje 'nzì la da purtà la dote ma la dà valò;
  • Lu solde è tonne tonne e fa tenè 'ngule tutte lu monne;
  • Levante bbasse bon tempe lasse;
  • Lu matte cunsije ni'lli dà e ni'lli riciove;
  • Piagne ucchie e piagne core piagne a chi dole;
  • Sposse la 'atte a da paà pi quolle chi sa magnate la cotiche;
  • Lu chene vò bene a la 'atte, come lu mezzadre a lu padrone;
  • Chi si spose, stà cuntente nu jurne, chi 'ccite lu purcelle chiù di 'n'anne;
  • Pequera nire e pequera bianca, chi more more e chi campa campa;
  • Na rocchie sorde nin zi quanda longue stracche;
  • C'aspette n'ore je ne pare sette;
  • Chi nin carcule li parole daje li mazze ca ni'je dole;
  • Ddù spade dontre a nu fodere nin ci po' stà;
  • La superbia jo a cavalle e rvenne a pede;
  • Li vide la gole quand'è strotte, s'inglautte la chese chi teutte lu totte;
  • Li parinde e cume li stuvale chiù è strette e chiù ti fa male;
  • E' mije sole che male accompagnate;
  • Lu Padreterne ci vatte chi lu bastone di bummace e 'nci li fa 'ddunà;
  • Facce fije e facce nore, l'asina vicchie e lu maste gnove;
  • L'asine alla capozze e l'ommine a la parole;
  • Donna fijate e vine tramutate quaranta jurne nin vò essere tuccate;
  • Chi si visceuche 'nz'anneghe;
  • Chi giaune si guverne vicchie more;
  • Lu metiche pijetouse fece la piaga virminouse;
  • Da giovine ci ole la carne, da vicchije ci ole li pinne;
  • Mule e fije di puttane, cente miljie da luntane;
  • Picciane e Piccianelle, Farinnele e Muntebbelle, Montefine e la Cilire, n'è capace a fà na fire;
  • Nin fa lu passe cchiù longhe di la 'amme;
  • Cente misure e nu taje sole;
  • Da lu tocchije esce la schijappe;
  • Si rispette lu cane pi lu padrone;
  • Chi và chi lu cioppe, 'mbare a ciuppicà;
  • Di tutte li jurne ve Natale; Di marteddè ve Carnevale; Di dumoniche ve Pasque; Di giuveddè li 'scinzijune, 'scinzijune scinziunate, dici jurne Pasqua rusate, natre dice sopra a queste, si ni vè lu Corpe di Creste;
  • Padre eterne, Padre eterne: cuma si fà a campà stù verne! Asponne lu Padre Abate: C'aveje 'a pinzà stì state;
  • Chi scimbise la vecchiaje, chi lu lette nim'bò saje; Sci abbinidette la gioventù, chi nu salte saje su;
  • L'ammidie è cacarelle. Si cache li trippe chi tutte le videlle;  
  • La puttana fa na bona gioventù e na trista vecchiaia;  
  • La superbie jiò cavall e r'venne a pete;
  • La riggine te bisugne di lu vicine;
  • Quande lu parente arrivate lu vicine addamò ca 'a jiont;
  • La troppa combidanze fa la mala creanze;
  • La donna ca non vide mai la camicie, cent'anne si ni fice di mmiravijie;
  • La troppa cummidità fice la fommine puttane;
  • Chi pozza purtà la fortune di la brutte;
  • Ogni node arrive a lu pettine;
  • Cent'anne e cente mese, ognuno torna al proprio paese;
  • Quande lu paisane te nu difette, lu frastire ni te centesette;
  • Moijie e vuve di li paesi a ti;
  • Beate a te Nicole che ajie n'occhio solo e quando morirai un occhio solo chiuderai.
  • Viste nu pale cà belle pare.
  • Mazze e panelle fice li fijie belle, pane senza mazze fice li fijie pazze.

| HOME PAGE |